lunedì 15 aprile 2019

Xª stazione - Gesù è spogliato delle vesti




Non ti sarebbe stato risparmiato questo supremo affronto, mio Dio. Quel corpo divinamente casto che la Vergine santissima aveva sempre protetto con le fasce e con le tuniche che gli confezionava; quel corpo indicibilmente puro doveva restare esposto a tutti gli sguardi!

domenica 14 aprile 2019

Non ignorare le decisioni definitive del Magistero

...la spinta disperata a
trasformare la Chiesa secondo i nostri desideri e le nostre idee...

(...) Di recente, un gruppo di sacerdoti in un Paese europeo ha pubblicato un appello alla disobbedienza, portando al tempo stesso anche esempi concreti di come possa esprimersi questa disobbedienza, che dovrebbe ignorare addirittura decisioni definitive del Magistero – ad esempio nella questione circa l’Ordinazione delle donne, in merito alla quale il beato Papa Giovanni Paolo II ha dichiarato in maniera irrevocabile che la Chiesa, al riguardo, non ha avuto alcuna autorizzazione da parte del Signore.

giovedì 4 aprile 2019

Una deformazione romantica della carità: “Il buon cuore”


Trionfale ingresso di Giovanna d'Arco ad Orléans

Plinio Corrêa de Oliveira solleva una questione spinosa e più attuale che mai: odiare è peccato? Si, no? Perché? Senza indietreggiare dinanzi al “politicamente incorretto”, svolge a fondo l'argomento e dissipa la spaventosa confusione di idee che esiste a questo proposito.

sabato 30 marzo 2019

MARZO: C'è posta per voi...


Cari amici, 
pensando di farvi cosa utile e gradita, vi elenchiamo di seguito i più recenti aggiornamenti del sito Web www.pliniocorreadeoliveira.it.
Qualora non desideraste ricevere ulteriori comunicazioni, vi invitiamo ad inviare una e-mail vuota, all’indirizzo webmaster@pliniocorreadeoliveira.it indicando nell’oggetto “cancellami”.

                             Cordiali saluti
                             Umberto Braccesi

Aggiornamenti ed alcune opportune riletture:

 

1. In evidenza
LE UNIONI OMOSESSUALI SONO L'ANTITESI DELLA FAMIGLIA
Il 29 ottobre 1992, il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira concesse un’intervista alla televisione brasiliana SBT sul problema delle cosiddette “unioni omosessuali”.

VIA CRUCIS - Vª STAZIONE

Simone di Cirene veniva da lontano. Non sapeva cos'erano la confusione, il chiasso, il vociare che talora il vento portava fino a lui...

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/03/via-crucis-v-stazione.html 


2. Rivoluzione e Contro-Rivoluzione
LA QUARTA RIVOLUZIONE E IL TRIBALISMO CIBERNETICO (I)
Con l’era digitale globalizzata, una rivoluzione culturale sta operando profondi cambiamenti di mentalità, portando alla ritribalizzazione dell’uomo per mezzo delle trasformazioni psicologiche, sociali e religiose...

LA QUARTA RIVOLUZIONE E IL TRIBALISMO CIBERNETICO (II)

Riguardo ai nativi digitali (giovani utenti di computer), questa “riconnessione” può essere ottenuta, secondo i suddetti autori, facendoli passeggiare in modo aleatorio in mezzo alle loro molteplici personalità virtuali. È come la pensa la Dottoressa Sherry Turkle...

 

3. Ambienti, Costumi, Civiltà

DISTINZIONE, POMPA, RELIGIOSITÀ

Il contrasto tra la mentalità della chiesa scismatica russa e la mentalità autenticamente cattolica...

 

EUROPEIZZAZIONE

Denomino “europeizzazione” la comprensione di ciò che l’Europa ha di bello e l’adozione dello stato d'animo dell'europeo...

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/03/europeizzazione.html 

 

4. Un “Santo do dia”

SANT'ISIDORO DI SIVIGLIA - 4 APRILE

SANTA GEMMA GALGANI - 11 APRILE

SANTA BERNADETTE SOUBIROUS - 16 APRILE

MADONNA DEL BUON CONSIGLIO - 26 APRILE


BEATO NUNO ÁLVARES PEREIRA - 26 APRILE

SAN LUIGI M. G. DA MONTFORT (I) - 28 APRILE

SAN LUIGI M. G. DA MONTFORT (II)

SAN PIO V PAPA - 30 APRILE

SAN GIUSEPPE BENEDETTO COTTOLENGO (I) - 30 APRILE

SAN GIUSEPPE BENEDETTO COTTOLENGO (II)



lunedì 25 marzo 2019

Via Crucis - Vª Stazione

Il Cireneo aiuta Gesù a portare la croce

Simone di Cirene veniva da lontano. Non sapeva cos'erano la confusione, il chiasso, il vociare che talora il vento portava fino a lui. Probabilmente si trattava di una grande festa, tante erano le risa, le grida, le voci che si facevano udire in un'animata successione. Si avvicinò. Forte, giovane, pieno di vita, sembrava in un certo senso l'antitesi del povero essere con la tunica bianca - la tunica dei pazzi -, con la corona di spine, tutto insanguinato, un lebbroso coperto di piaghe che pazientemente e lentamente trascinava la croce. Il contrasto fornì ai carnefici l'ispirazione. Lo presero per aiutare Cristo Nostro Signore a portate la croce. Il Cireneo accettò. All'inizio forse perché costretto. Poi per pietà. È rimasto nella Storia e, cosa ancor più importante, ha conquistato per sé il regno dei cieli.


Com'è frequente questa scena! Sul cammino della nostra vita vediamo la Chiesa che passa, perseguitata, colpita, calunniata, odiata e, mio Dio, talora perfino tradita da molti che si dicono figli della luce soltanto per poter propagare meglio le tenebre. Vediamo tutto questo. In apparenza la Chiesa è debole, vacillante, talora agonizzante. In realtà essa è divinamente forte, come Gesù. Ma noi con gli occhi della carne vediamo soltanto la debolezza. E siamo così miopi con gli occhi della fede che discerniamo a fatica l'invincibile forza divina che la conserverà per sempre.



La Chiesa sta per essere sconfitta. Sta per morire. Porrò al servizio di questa perseguitata, di questa calunniata, di questa sconfitta, l'esuberanza delle mie forze, della mia giovinezza, del mio entusiasmo? Mai! Allontaniamoci. Non siamo Cirenei. Curiamo solo e soltanto i nostri interessi. Saremo prosperi avvocati, ricchi commercianti, ingegneri arrivati, medici con una buona clientela, giornalisti illustri o professori prestigiosi. E solo il giorno del giudizio capiremo quanto abbiamo perso quando la Santa Chiesa è passata sulla nostra strada e noi non l'abbiamo aiutata!


Apostolato, apostolato, apostolato! Apostolato saturo di preghiera, impregnato di sacrificio. Questo è il mezzo con cui dobbiamo essere Cirenei della Santa Chiesa.
Mio Signore, facci essere fedeli a questa grazia quanto lo stesso Cireneo.

Beato Cireneo, prega per noi.


Plinio Corrêa de Oliveira


("O Legionario", Aprile 1943)

lunedì 18 marzo 2019

Europeizzazione

Uno  stato d'animo elevato,
opposto al prosaicismo delle cose

Denomino “europeizzazione” la comprensione di ciò che l’Europa ha di bello e l’adozione dello stato d'animo dell'europeo. Non si tratterebbe di una semplice valorizzazione delle cose che vi sono in Europa, bensì l'acquisizione di un modo di essere ispirato a quello europeo.

giovedì 14 marzo 2019

La Quarta Rivoluzione e il tribalismo cibernetico (II)

Con l’era digitale globalizzata, una rivoluzione culturale
sta operando profondi cambiamenti di mentalità,
portando alla ritribalizzazione dell’uomo
per mezzo delle trasformazioni psicologiche, sociali e religiose
(seconda e ultima parte)

domenica 10 marzo 2019

La Quarta Rivoluzione e il tribalismo cibernetico (I)

Con l’era digitale globalizzata, una rivoluzione culturale
sta operando profondi cambiamenti di mentalità,
portando alla ritribalizzazione dell’uomo
per mezzo delle trasformazioni psicologiche, sociali e religiose

venerdì 1 marzo 2019

Le unioni omosessuali sono l'antitesi della famiglia

Il 29 ottobre 1992, il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira concesse un’intervista 
alla televisione brasiliana SBT sul problema
delle cosiddette “unioni omosessuali”.

martedì 26 febbraio 2019

FEBBRAIO: C'è posta per voi...

Cari amici, 
pensando di farvi cosa utile e gradita, vi elenchiamo di seguito i più recenti aggiornamenti del sito Web www.pliniocorreadeoliveira.it.
Qualora non desideraste ricevere ulteriori comunicazioni, vi invitiamo ad inviare una e-mail vuota, all’indirizzo webmaster@pliniocorreadeoliveira.it indicando nell’oggetto “cancellami”.

                             Cordiali saluti
                             Umberto Braccesi

Aggiornamenti ed alcune opportune riletture:

1. Verità dimenticate
SIETE LA GRANDE CORRUZIONE, PERCHÉ STATE NEL MEZZO
“Volete essere figli della luce, ma non rinunciate ad essere figli del mondo"...

2. Rivoluzione e Contro-Rivoluzione
LA RIVOLUZIONE TOTALE
La Rivoluzione culturale in corso, chiamata anche Rivoluzione totale, è una sorta di immensa coalizione di tutti i ribelli in lotta contro ogni aspetto dell’ordine dell’universo...

IL SECOLO DELLA MORTE, DELLA GUERRA E DEL PECCATO
La guerra, la morte e il peccato si apprestano a devastare nuovamente il mondo, questa volta in proporzioni maggiori che mai...

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/02/il-secolo-della-morte-della-guerra-e.html


3. Tu es Petrus

SULLA DIFESA DELLA VERITÀ RIVELATA DA GESÙ

Non possono certo ottenere l’approvazione dei cattolici tali tentativi fondati sulla falsa teoria che suppone buone e lodevoli tutte le religioni...

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/02/sulla-difesa-della-verita-rivelata-da.html


4. Ambienti, Costumi, Civiltà

TRA IL SOGNO E IL SONNO...

La Storia è, nell’anima degli uomini, un movimento pendolare tra il sogno e il sonno. Nella Storia dei popoli, ci sono momenti in cui il sonno anticipa il sogno, ed altre in cui il sogno ha la precedenza...

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/02/tra-il-sogno-e-il-sonno.html  


5. Articoli, Interviste, Conferenze

RITORNO ALLA TORRE DI BABELE?

Tanto uomini di sinistra come di centro oppure di destra, cattolici, protestanti, scismatici, ebrei, buddisti, musulmani, spiritisti, atei, sono affluiti in grande numero per applaudire Giovanni Paolo II, in un tumultuoso moto di gioia...

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/02/ritorno-alla-torre-di-babele.html


6. Pagine di Storia

SULLA PRIMA GUERRA MONDIALE E LE SUE CONSEGUENZE...

...il giudizio di Plinio Corrêa de Oliveira.

https://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2019/02/sulla-prima-guerra-mondiale-e-le-sue.html


7. Un “Santo do dia”

LA CROCE, VESSILLO DI BATTAGLIA (prima parte)
La «Lettera circolare agli Amici della Croce» cattura la mia attenzione sin dal suo inizio: un titolo così glorioso per un’opera talmente breve che l’autore ha voluto darle la forma di una lettera. Ovviamente, S. Luigi Grignion aveva in vista...

LA CROCE, VESSILLO DI BATTAGLIA (seconda parte)
Ecco un altro brano della «Lettera circolare agli Amici della Croce»:
“Amici della Croce, alunni di un Dio crocifisso! Il mistero della Croce è sconosciuto ai Gentili, respinto dagli Ebrei e disprezzato dagli eretici e dai cattivi cattolici. Eppure è questo il grande mistero che dovete apprendere sperimentalmente alla scuola di Gesù Cristo e che solo da lui potete imparare...

LA CROCE, VESSILLO DI BATTAGLIA (fine)
Questo brano mi piace tanto, perché ha un senso profondissimo di saggezza e di realtà. San Luigi dice così: se gli Amici della Croce saranno fortemente uniti da un’unione delle menti e dei cuori – cioè un’unione di princìpi, di spirito e di volontà – tale unione sarà infinitamente più forte e più formidabile contro il mondo e il demonio...

_________________

SANTA FRANCESCA ROMANA - 9 MARZO

SANT'EULOGIO DI CORDOBA - 11 MARZO

SAN CLEMENTE MARIA HOFBAUER - 15 MARZO

SAN PATRIZIO - 17 MARZO

SAN GIUSEPPE, MARTIRE DELLA GRANDEZZA - 19 MARZO
Lo sposo deve essere proporzionato alla sposa. Orbene, chi è la Madonna? E’ di gran lunga la più perfetta delle creature, il capolavoro dell’Altissimo...

SAN NICOLA DELLA FLUE - 21 MARZO

SAN TURIBIO DE MONGROVEJO - 23 MARZO

ANNUNCIAZIONE ALLA VERGINE SANTISSIMA - 25 MARZO
Questo brano del Vangelo è pieno di contenuti interessantissimi. In primo luogo, l’anonimato in cui viveva la Sacra Famiglia, l’anonimato della stessa città. Dall’alto del Cielo, giunta la pienezza dei tempi...






domenica 24 febbraio 2019

Tra il sogno e il sonno…

Riflessioni del Dottor Plinio tratte da
A Cavalaria não morre”,
una squisita raccolta a cura di Leo Daniele

La Storia è, nell’anima degli uomini, un movimento pendolare tra il sogno e il sonno. Nella Storia dei popoli, ci sono momenti in cui il sonno anticipa il sogno, ed altre in cui il sogno ha la precedenza. Quindi, i sogni e le aspirazioni sono la forza motrice della Storia. Modificando l’ingranaggio delle aspirazioni, si modifica il corso della Storia.
Infatti, tutte le nazioni camminano verso l’idea di uno stato perfetto, di una società perfetta, di un ordine di cose perfetto: è, nel dire degli antichi, la ‘Città perfetta’.

Il Paradiso che non c’è più
Il Paradiso terrestre era la partecipazione di tutti alla somiglianza con Dio. Era il genere umano che, ad ogni passo, avrebbe distillato più famiglie, più nazioni, più regioni, più bellezze, più architetture, più splendori. Si trattava di andare avanti di ogiva in ogiva, di organo in organo, sino a un punto che non si riesce ad immaginare. Un camminare in consonanza, verso una santità sempre maggiore, sempre maggiore, sino alla glorificazione finale.
L’uomo, trasferito in questa terra, perse tutto ciò che perse, ma in un certo senso guadagnò qualcosa. È pur vero che la lotta gli divenne più ardua e l’eventualità di dover combattere racchiude una molto maggior sofferenza. Ma ecco che, nell’apice di questa lotta si pone il Verbo di Dio, che morì per noi e ci ha riscattati: fu la lotta delle lotte, la tragedia delle tragedie, la sublimità delle sublimità. Oh felix culpa! L’Umanità ricevette da Lui l’esempio di come lottare, guerreggiare, opporsi e non conformarsi.

La Terra deve ricordare il Paradiso
L’uomo, creato per il paradiso terrestre, e per uno stato di integrità che perse a causa del peccato, avverte, nel più profondo di sé stesso, una forte appetenza a quelle condizioni precedenti, dalle quali, secondo il piano divino, non avrebbe dovuto mai allontanarsi.
La tendenza a ciò che genericamente potremmo chiamare, in maniera impropria, il paradisiaco, palpita, quindi, in fondo ad ogni uomo, come una forza ardente e che non può essere attutita. Questa forza si fa sentire dentro di lui, in ogni momento, benché con gradi e forme diverse, e si mescola, ora in modo cosciente ora inconsciamente , in tutto ciò  che egli appetisce, pensa o vuole.
Orientata dalla Fede, elevata dalla grazia, sviluppata secondo le norme della morale cattolica, questa appetenza del paradisiaco costituisce una forza indispensabile e fondamentale per accrescere la dignità dell’uomo in tutti i suoi aspetti. Questa appetenza lo invita ad elevare e modellare la propria anima, nonché a migliorare quanto possibile le condizioni della sua esistenza terrena, e soprattutto lo invita ad aspirare il Cielo e a pensarvi con frequenza.

Il sogno della Cristianità
[Osservando la Storia] All’improvviso sorge un popolo che si definisce nei confronti dei suoi parenti più prossimi e (…). E da quel momento inizia il cammino di maturità in maturità, di verità in verità, di bene in bene, di bello in bello, verso l’eccellenza da esprimere e realizzare nella Storia a cui era stato chiamato da Dio.
La vera Cristianità, nella misura del possibile,  è simile ad uno specchiarsi folgorante dell’ordine paradisiaco e dell’ordine angelico fra gli uomini.  La Cristianità non è in nessun modo soltanto la società idealmente ben organizzata, nella quale tutto funziona bene. È molto più di questo. Rappresenta quell’ordine di cose in cui lo spirito umano salì sublimemente in alto e che si esprime in simboli nei quali l’uomo giudica superata tutta la bellezza contenibile in questa terra e si ricorda del Paradiso terrestre; non interamente sazio della bellezza del Paradiso terrestre si ricorda del Cielo. Il codice perfetto della condotta umana è questa Legge, tutti i problemi ideologici e morali dell’umanità si risolverebbero a fondo. Se, invece, tutti gli uomini violassero questa Legge, l’umanità si autodistruggerebbe in poco tempo.
Noi vogliamo un’epoca che sta al Medio Evo come questo stava all’era di Costantino, che gli fu anteriore. Aspiriamo ad una cultura in cui tutto sia concepito in funzione dei gradi di perfezione, il tutto ordinato verso il sublime nel suo rispettivo genere. Più della gloria delle anime, noi vogliamo la gloria di Dio. Non dobbiamo adoperarci per una specie di mera filantropia soprannaturale.

Sogni Imperiali
Il Sacro Impero fu un sogno. Colui che credette al suo sogno e lo realizzò fu Carlo Magno. La Spagna e la Compagnia di Gesù portarono la Contro-Riforma simultaneamente lontano e meno lontano di quanto dovevano. Se avessero sognato di più sarebbero andati più lontano. Carlo V non sognò. Egli diresse un impero da sogno con l’anima di un uomo che non sogna. Tutti sognavano grandi cose per lui, ma lui non sognava affatto. Sventurato, era un uomo che non credeva nel sogno che incarnava.

Sogni orientali
Vi è qualcosa nel lusso orientale che impregna l’anima di tutto un popolo. Non fu un nababbo che immaginò il tappeto persiano. Ne i suoi disegni, ne i colori, ne l’arte della sua fabbricazione. Beati i modesti artigiani che ai margini del Caspio fanno questi tappeti; loro sognano tappeti e con ciò sono più felici del nababbo che usa il tappeto. Loro sono i nababbi del sogno.

Francia paese di sogno
Francia, questo sogno che pone il mondo a sognare … Si può dire che la Francia è dotata di una forza elicoidale che la fa elevare, elevare sempre più e che è il sogno. La Francia che non sogna è la periferia di sé stessa.

Il sogno delle navigazioni
Ogni popolo ha il suo sogno. È una percezione suggerita dal più profondo della realtà che è presente in tutti in funzione di una missione data a tutti, e che tutti hanno una tendenza profonda da realizzare. Un esempio bellissimo del sogno furono le navigazioni portoghesi. Ad un certo momento si installa nella mente degli abitanti di quella piccola nazione la necessità di dover scoprire il mondo, devono conquistare il mondo. I castelli precedono i loro passi.
Quando una nazione o un’anima è nel pieno impulso, nel pieno slancio del sogno, tutto sorride, sono tutte benedizioni, sono tutte grazie. Quando una nazione smette di sognare, tutto le si complica.
Don Sebastião fu generato dalla speranza e dalla nostalgia. Camões geme ormai, perché il Portogallo non sognava più. “Os lusíadas” fu un richiamo laico per vedere se risvegliava un popolo la cui fede dormiva e solo poteva essere svegliato da una voce molto più altisonante di quella di Camões.

Un Brasile di sogno
Il Brasile è un grande libro bianco dove la mano degli uomini deve scrivere una storia di eroismo. Qui tutto invoca un futuro di eroismo e di gloria. Sono montagne fatte per la lotta in cui l’astuzia ha un grande ruolo. Per facilitare la nostra bontà, la Provvidenza, nella sua generosità enorme, ci ha dato dei sovrappiù colossali. Infatti, la nostra bontà non è fatta di abilità, ma è vissuta con abilità. Questo fatto rende l’abilità, che facilmente prende arie machiavelliche, simpatiche.
Un popolo è grande solo quando cambia i suoi difetti nativi per il loro opposto. Per quanto riguarda ai nostri difetti nativi, o sono messi sotto la frusta, o ci pongono sotto la frusta. La capacità di conquista che caratterizza il Brasile è la bontà. Ma se questa bontà si stagna nella dolcezza, marcisce.
Il nostro popolo agile, intuitivo, sommamente abituato ad accompagnare i va e vieni politici, coglie in un solo sguardo tutta una narrativa storica ingarbugliata, purché il filo conduttore dei fatti sia alla sua portata. Infatti, la destrezza è la via di uscita che l’intuizione presenta per le situazioni complicate.
Vogliamo un Brasile veramente brasiliano? Facciamo di lui un Brasile veramente cattolico. Vogliamo uccidere la vera anima del Brasile? Sradichiamo la sua Fede.

Un mondo di sogno
La Storia è il Creato che cammina per realizzare in sé la perfezione alla quale fu destinato. È cosa certa che nell’ordine tendenziale dell’uomo, prima del peccato originale, c’era un universo di tendenze rette; dopo la caduta, rimasero ancora molte di queste tendenze, portando l’uomo ad aspirare a cose analoghe a quelle del Paradiso. Quindi, rimase nell’uomo una nostalgia del paradisiaco, non solo del paradiso celeste, ma pure di una vita terrena con un tocco paradisiaco.
Dicendo paradisiaco, non intendo solo ciò che è delizioso e nemmeno principalmente il delizioso, bensì la cosa splendidamente ornata, ordinata, vera, buona, bella, secondo le esigenze dell’ordine materiale delle cose, create da Dio per la sua propria Gloria, e a causa di questo sommamente simile a Dio all’interno della propria sfera.

…Prevedendo un futuro di sogno
Ci fu un tempo in cui la Storia del mondo potè essere chiamata “Le gesta di Dio per mezzo dei francesi” (pag.61 Nota 12)
Verranno giorni in cui si scriverà “L’epopea di Dio fatta dai brasiliani”. Il Brasile è, per così dire, il principe ereditario del mondo contemporaneo. La missione provvidenziale del Brasile consiste nel crescere all’interno delle sue proprie frontiere, nello sdoppiare gli splendori di una civiltà genuinamente cattolica, apostolica , romana ed illuminare amorevolmente tutto il mondo con la fiaccola di questa grande luce che sarà in effetti il “Lumen Christi” che la Chiesa irradia.
Se un giorno il Brasile sarà grande, lo sarà per il bene di tutto il mondo. Il Brasile non sarà grande per la conquista, ma per la Fede; non sarà ricco per i soldi tanto quanto per la generosità.

Il sogno una forma elevata di discernimento
Tra gli uomini ci sono quelli che non sognano, mentre esistono persone che ingurgitano falsi sogni; e, infine, ci sono coloro che sognano il bene. Non si può dire che il sogno sia una mera immaginazione. Il sogno è un elevato discernimento della verità per ciò che essa ha di più ragionevole, di più santo e di più bello.
L’uomo che sogna senza fiducia o sogna cose che la Provvidenza non desidera, questo è uno sciocco. Ma l’uomo che ha presentimenti di ciò che la Provvidenza desidera, e sogna quello che, pregando, spera ottenere, questo può essere un Uomo di Dio.

Sognare è un’arte
Il Cielo è la piena realizzazione del sogno dell’uomo. Esprimere in termini d’arte un sogno è una delle forme più elevate del pensiero umano.
È necessario  saper sognare la realtà. L’apparente impraticabilità dei più osati ed estremi sogni apostolici, non impedirà una vera risurrezione, se Dio avrà pena del mondo e il mondo corrisponderà alle grazie di Dio.

Sognare è desiderare
O si sogna o non si vive. La grande atmosfera del sogno prepara l’anima alla fede. Quindi l’anima con fede riceve questa preparazione e dall’interno della fede vola verso la santità. Così si raggiunge l’Assoluto. Così non si è ciechi di Dio.
La sana opinione pubblica non è sognatrice nel senso di fabbricare delle utopie o delle chimere; ma perché aspira alle realtà più elevate e subordina a queste le più basse, le vuole tutte eccellenti, verissime, magnifiche e bellissime.
Gli uomini che hanno desideri [il profeta Daniele è soprannominato “Desideriorum vir”, “L’uomo dei desideri”] purché si incontrino tra loro, anche se per un breve tempo, suscitano lungo la Storia un’opinione collettiva. Direi quasi che si capiscono a vicenda persino quando non si conoscono.
Si può e si deve sognare la battaglia, sognare il dolore, sognare la lotta, sognare l’olocausto dando così un significato alla vita. È quel che dà il tonus alla vita.

Il sogno è ciò che sistema le cogitazioni e le vie dell’uomo
Dio dice, nella Sacra Scrittura: “I miei pensieri non sono i vostri pensieri, nemmeno i vostri cammini sono i miei cammini”. Le aspirazioni profonde degli uomini non erano quelle Sue. Dunque le vie e le cogitazioni non potevano essere le stesse. Per l’anima retta, l’olocausto è un sogno, e il sacrificio non ha il significato di un incubo.

L’uomo abbandona il sogno
L’uomo lascia il sogno, come il figlio abbandona la casa paterna. Nella Rivoluzione Francese il mondo del sogno fu respinto come si spazza via l’acqua e si realizzò l’attuale ordine di cose senza il sogno.

Plinio Corrêa de Oliveira

(Brani tratti da “A Cavalaria não morre”, senza revisione dell’autore)



 Neuschwanstein, un castello da sogno